martedì 25 giugno 2019

Mare di libri 2019 ▸ Recap sabato 15/06 (Frances Hardinge, Manlio Castagna e Guido Sgardoli)

2 commenti
Buongiorno lettori, finalmente eccomi qui a parlarvi della mia esperienza di quest'anno a Mare di libri! Come vi ho anticipato nel post in cui vi parlavo del festival (QUI) ho deciso di andare a Rimini sabato 15 e a farmi compagnia c'è stata sempre la mia fidata Veronica di Reading in the garden che, proprio come la sottoscritta, non riesce mai a mancare!

Il primo incontro a cui ho preso parte è stato quello con Manlio Castagna e Guido Sgardoli, in cui si parlava, a livello culturale relativamente a film e letteratura, della figura dei demoni. Il pubblico in sala era davvero giovanissimo, dunque mantenere alta l'attenzione non era per niente semplice,
eppure gli interlocutori ci sono riusciti alla grande!
Il primo a prendere la parola è stato Sgardoli, autore di The stone. Ha parlato di come, a suo parere, si possa interpretare questa figura partendo dal celebre romanzo I demoni di Dostoevskij e dal classicissimo Lo strano caso del dottor Jekyll e Mr Hide di Stevenson, che parlano sì di demoni, ma lo fanno in senso lato, perché si sa che i demoni possono anche essere interiori e non per forza bisogna relegarli alle figure mostruose e spaventose dell'immaginario collettivo.
Manlio Castagna (in foto a destra) poi, che personalmente non avevo mai incontrato e che mi ha fatto una buonissima impressione soprattutto per via del suo innato carisma e per la sua parlantina, ha detto la sua. Ha parlato di It, ha menzionato Lovecraft e i suoi magri-notturni e fatto degli interventi molto belli riguardo a Frankenstein e Il labirinto del fauno. Ha poi parlato anche del suo Petrademone, rivelando ai presenti che presto diventerà una serie TV (sembra che si stiano contendendo i diritti Netflix, la Rai e Amazon). A questo proposito penso che meriti moltissimo il trailer del secondo romanzo della serie - assolutamente no spoiler anche se non avete letto il primo libro - che ha mostrato a tutti e che ha davvero una grafica e un'atmosfera pazzesche! Ve lo inserisco di seguito.

mercoledì 12 giugno 2019

Mare di libri 2019 (Rimini 14-15-16 giugno) - Festival dei ragazzi che leggono

0 commenti
Buongiorno lettori, come state? Come tutti gli anni il mese di giugno vuol dire Mare di libri! Sono infatti di nuovo qui per parlarvi del festival dedicato ai ragazzi che leggono, dedicato agli autori di romanzi per ragazzi più amati. L'appuntamento è sempre a Rimini il 14, 15 e 16 giugno, ovvero proprio questo weekend!


Sono ormai anni che, a volte più assiduamente altre meno, ho il piacere di partecipare a questo festival. Una cosa di cui vado fiera è che, nonostante gli impegni, nonostante la mia via vita sia cambiata parecchio dalla prima volta che ho partecipato, da quando conosco il festival non ho perso nemmeno un'edizione! Potevo dunque mancare per questo 2019? Ebbene, no! Mare di libri significa vivere la passione per la lettura e percepirla. Si tratta di un'esperienza unica che vi consiglio caldamente, indipendentemente dagli ospiti.
Quest'anno sono davvero tanti gli ospiti interessanti e mi sarebbe piaciuto poter partecipare agli incontri sia sabato che domenica. Domenica però ho un impegno preso più di nove mesi fa, ovvero il concerto di Ed Sheeran a Roma (non vedo l'ora!) dunque riuscirò a essere al festival soltanto nella giornata di sabato.

Come di consueto, vi riporto di seguito una piccola parte del programma di questa edizione, con particolare attenzione sugli eventi che hanno maggiormente attirato la mia attenzione.

venerdì 14 giugno
Evento #3 ▸ Ore 16.30 Museo della città, Sala del giudizio
Incontro con Silvia Vecchini e Sualzo intervistati da Lodovica Cima
Autori di 21 giorni alla fine del mondo e La zona rossa.

Evento #4 ▸ Ore 18.30 Museo della città, Sala del giudizio
Lupi Incontro con Francesco Niccolini e Marta Palazzesi, modera Chiara Codecà
Conversazione incentrata sulla figura dei lupi, dalla letteratura al cinema. Francesco Niccolini autore di Il lupo e la farfalla; Marta Palazzesi autrice di Nebbia.

Evento #8 ▸ Ore 23.00 Cortile della Biblioteca Gambalunga
Fiabe da paura Reading di racconti con Simona Vinci e Alessia Canducci
Simona Vinci autrice di Rovina.

giovedì 23 maggio 2019

Blogtour "Cosa resta dell'estate" - Storie d'amore lunghe un anno a cura di Stephanie Perkins

7 commenti
Buongiorno lettori! Oggi il blog ospita la tappa del blogtour di lancio della raccolta di racconti Cosa resta dell'estate, edita DeA Planeta e disponibile in tutte le librerie a partire dal 21 maggio. Una lettura perfetta per le sere d'estate o per le mattine sotto l'ombrellone!

Io e altre blogger abbiamo deciso di parlarvi dei dodici racconti, assegnandocene uno per ognuna, in modo da potervi dare i nostri pareri nel dettaglio.
Nella raccolta, uscita all'estero nel 2016 con il titolo di Summer days and summer nights, sono presenti alcuni dei nomi più amati nel panorama della narrativa young adult: Leigh Bardugo, Cassandra Clare, Veronica Roth, Lev Grossman, Libba Bray, Stephanie Perkins. I denominatori comuni, l'avrete capito, sono l'amore e l'estate! Come resistere?



Cosa resta dell'estate
A.A.V.V.

Editore DeA Planeta ● Pagine 445
Cartonato 16,50 € ● Brossura N/D ● Ebook 9,99 €

Trama: Sarà per colpa delle lunghe giornate oziose o forse del caldo insopportabile che manda tutti fuori di testa, ma non esiste momento migliore dell'estate per innamorarsi. Ne sono convinti anche Veronica Roth, Cassandra Clare e altri dieci autori internazionali che ci regalano questa raccolta di racconti. Dodici storie romantiche, unite dal doppio filo dell'estate e dell'amore. Una lettura perfetta per sognare passeggiando al chiaro di luna, guardando un tramonto o facendosi accarezzare dalla brezza del mare. Frizzante come una bibita fresca e avvolgente come il sole d'agosto.


Il destino ha voluto (ebbene sì, abbiamo tirato a sorte!) che io vi parlassi del racconto La fine dell'amore di Nina LaCour, autrice a me sconosciuta.
Nina LaCour è un'autrice americana nata in California. Ha scritto ben quattro romanzi per ragazzi guadagnandosi numerosi premi e un quinto romanzo a quattro mani con il celebre David Levithan. Ad oggi, i suoi romanzi sono inediti in italiano.


Di cosa parla La fine dell'amore? I genitori di Flora, dopo un lungo periodo di separazione e di litigi, hanno finalmente deciso di divorziare. Questo vuol dire che a breve, Flora e sua madre, andranno a vivere da sole in una casa tutta nuova. Flora, una ragazzina intelligente, ma molto introversa, fa fatica a esternare i suoi sentimenti. Soffre per la situazione, ma anziché dare voce ai suoi pensieri, preferisce passare più tempo possibile fuori da quella che un tempo chiamava casa. Si iscrive così a un corso estivo di geometria, nonostante lei sia abbastanza brava da insegnare a tutti i suoi compagni.
È proprio al corso che incontra Mimi, una ragazza per cui un paio d'anni prima, quando non aveva ancora fatto coming out, aveva una cotta pazzesca. Mimi è ancora più bella e interessante di quanto non ricordasse, ma Flora è troppo timida e schiva per pensare di avvicinarsi.
La fine dell'amore è un racconto che, seppur essendo piuttosto breve, riesce a dire quello che deve. È tenero e delicato, cosa che fa ben supporre che l'autrice sia brava a parlare di ragazzi anche nei suoi romanzi. La cosa che più mi è piaciuta è stata la rappresentazione dei sentimenti di Flora verso la sua famiglia che va in pezzi e verso quella che lei a tutti gli effetti considera la fine dell'amore.