martedì 9 ottobre 2018

Questa volta leggo #5 Recensione "Fidanzati dell'inverno" Christelle Dabos

26 commenti
‘Questa volta leggo’ è una rubrica nata da un'idea di Chiara La lettrice sulle nuvole, Laura La libridinosa e Dolci Le mie ossessioni librose per cui, ogni mese, noi blogger partecipanti scegliamo un tema riguardo a una tipologia di lettura da fare e da recensire.

Buongiorno lettori, come state? Grazie a un nuovo appuntamento di questa rubrica, per cui abbiamo scelto come tema del mese di ottobre: un libro con la copertina blu (o azzurra), oggi vi parlo di un romanzo che, ai tempi della sua uscita in primavera, abbiamo avuto modo di vedere un po' ovunque: Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos, primo di una trilogia francese che viene pubblicizzata come un incontro tra fantasy, steampunk e Belle Époque. Addirittura c'è chi si è arrischiato a definire questo libro "il nuovo Harry Potter"! Secondo voi il romanzo sarà stato all'altezza delle aspettative? Mi avrà convinta oppure no? Scopriamolo insieme!



Fidanzati dell'inverno
Christelle Dabos
Editore Edizioni E/O ● Pagine 504
Cartonato N/D ● Brossura € 16,00 ● Ebook 12,99 €

Trama: L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatrice di un museo finché le Decane della città decidono di darla in sposa al nobile Thorn, della potente famiglia dei Draghi. Questo significa trasferirsi su un’altra arca, “Polo”, molto più fredda e inospitale di Anima, abitata da bestie giganti e famiglie sempre in lotta tra di loro. Ma per quale scopo è stata scelta proprio lei? Tra oggetti capricciosi, illusioni ottiche, mondi galleggianti e lotte di potere, Ofelia scoprirà di essere la chiave fondamentale di un enigma da cui potrebbe dipendere il destino del suo mondo. Fidanzati dell’inverno è il primo capitolo di una saga ricca e appassionante che sta conquistando migliaia di lettori giovani e adulti.


Recensione
In un futuro lontano, la Terra ha subito un drastico cambiamento: non ci sono più continenti né nazioni, ma "arche", luoghi circoscritti in cui, sia gli abitanti che il territorio, possiedono speciali peculiarità. Ofelia è nata e cresciuta su Anima, arca in cui gli oggetti possiedono una propria vitalità e volontà. Un posto in cui le porte e la mobilia reagiscono ai cambiamenti d'aria e alla presenza di estranei e le serrature possono essere addomesticate ad aprirsi a comando. Ofelia, in particolare, possiede un dono diventato ormai raro tra gli animisti: è una lettrice e dunque se tocca un oggetto con le mani, è capace di scoprirne il passato. A quali persone, in precedenza, è appartenuto quell'oggetto? Quali storie vi sono legate?

lunedì 8 ottobre 2018

Si torna online con un nuovo look + cercasi consigli per superare il blocco del lettore

8 commenti
Buongiorno lettori, come state? Vi sono mancata? Mi auguro almeno un pochino di sì perché da oggi finalmente il blog torna online e con un nuovo look. Noterete infatti che, al di là delle solite cose che sono rimaste invariate, il logo di Reading is believing si è rinnovato!
La vecchia piccola volpe stilizzata che è rimasta quissù a lungo negli ultimi tempi aveva iniziato un po' a stancarmi. Sentivo il bisogno di qualcosa che fosse solo mio ed era da parecchio che cercavo qualcuno in grado di occuparsene quando mi sono imbattuta nei lavori di Marta Peressini, un'illustratrice che si è dimostrata davvero brava e che non mi ha per niente delusa!
Qualche mese fa infatti, le ho commissionato un nuovo "stemma" per il blog e questo è il risultato: una volpe che è anche un libro aperto. Non vedevo l'ora di mostrarvela perché personalmente la adoro e mi auguro tanto che possa piacere anche a voi! Fatemi sapere cosa ne pensate, mi raccomando, ci tengo.

Venendo a noi, come sono andati questi ultimi mesi? Io ho una piccola confessione da farvi: ho tardato parecchio il ritorno online del blog, rispetto a quanto previsto, perché in realtà è da un periodo a questa parte che leggo davvero davvero poco. Non fraintendetemi, la voglia di parlare di libri e di condividere con voi le mie opinioni è rimasta invariata, il mio problema è proprio con la lettura di per sé. Ma non perché io non voglia leggere, perché avrei voglia di divorare libri su libri per intero... e anche se non leggo penso continuamente a questo o quel titolo che vorrei tantissimo leggere. L'ostacolo, se così si può dire, sta tutto nella mia testa. Purtroppo, da qualche mese a questa parte, non riesco più a essere serena come un tempo. Diciamo che, nella mia quotidianità, mi trovo a che fare con una serie di vicissitudini un po' infelici e dunque,
quando arrivo a sera, spesso sono stremata, con zero voglia di fare la qualunque. Dunque capirete perché per me è più semplice mettermi davanti alla TV o davanti al cellulare, piuttosto che davanti a un libro. Spesso ci provo, ma non riesco proprio a concentrarmi.
Per quanto leggere sia la nostra passione, dobbiamo ammettere tutti che è molto più semplice evadere e distrarsi davanti un film o una serie TV che di fronte alla parola scritta. Non lo pensate anche voi?

Diciamo che per esorcizzare questa cosa sto cercando di provarle un po' tutte, ma con scarsi risultati. Mi sono buttata su autori che adoro, su romanzi brevi o particolarmente interessanti, ma niente, quella particolare spinta che mi sussurra all'orecchio di prendere un libro tra le mani, ancora non si fa sentire.
In più, sfortuna ha voluto, che mi siano capitati tra le mani anche romanzi davvero poco coinvolgenti e invoglianti.

A questo punto, vorrei approfittarne per rimettere la cosa a voi. Cosa fate in questi casi? Se proprio non riuscite a concentrarvi e vi manca il giusto umore per leggere, nonostante ne abbiate una voglia matta, come vi comportante? Avete dei suggerimenti da darmi? Mi auguro che possiate illuminarmi!
Nel frattempo io sto facendo un pensierino riguardo all'attivare di nuovo l'abbonamento ad Audible perché penso che forse, dover prestare attenzione a una narrazione che proviene da altri, e che dunque non deve al 100% passare da me, potrebbe essere più semplice. Cosa ne pensate?

Comunque non preoccupatevi, ho delle recensioni da proporvi e anche tantissime altre cose libresche e non, di cui parlarvi.
Resto in attesa dei vostri consigli e dei vostri pareri. Se ne avete voglia raccontatemi anche delle vostre letture di questo periodo, sono curiosa! Vi mando un grosso abbraccio virtuale. Alla prossima!

lunedì 1 ottobre 2018

❝IPSE DIXIT❞ Reading Challenge ▸ Ottobre

1 commenti
Buonasera lettori, come state? Nei prossimi giorni il blog tornerà finalmente online, ma venendo a noi, ormai la Ipse Dixit è in dirittura d'arrivo! Tirando un po' le somme, siete soddisfatti del percorso fatto fino ad ora con la challenge? Stiamo riuscendo a stimolare la vostra curiosità e a farvi esplorare romanzi nuovi e magari anche al di fuori della vostra comfort zone? Fateci sapere!
QUI trovate il post di Veronica su READING IN THE GARDEN

Come sapete, sono una grandissima fan dell'autunno e adoro il mese di ottobre in particolare. Per me significa sciarpe, giubotti, piumone, copertine calde sotto al quale nascondersi leggendo un buon libro, sorseggiando tè caldo o cioccolata aromatizzata. Significa vento fresco che solletica la pelle e annuncia l'arrivo dell'inverno: insomma, il paradiso!
Ottobre è anche il mese di Halloween e dunque pensavo, quale occasione migliore per buttarci su una lettura in grado di inquietarci, farci rabbrividire e farci venir voglia di dormire con la luce accesa?